Giornata terribile ieri. L’assassinio dell’ambasciatore russo ad Ankara (non c’erano stati così tanti morti per terrorismo in Turchia dal 1992) e il camion sulla folla natalizia a Berlino (nel 1992 c’è anche il record di attacchi terroristici in Germania). Ma cosa c’era all’inizio degli anni Novanta?

Ve lo immaginate come hanno reagito i populisti italiani ed europei agli attentati? Esatto.
Come è stato il 2016 di Angela Merkel? Nero.

C’è stata un’altra sparatoria ieri, anche se a Zurigo non è ancora chiaro cosa sia successo, c’entra l’occultismo. L’anno peggiore per il terrorismo in Svizzera? Il 1981.

È arrivato l’Economist: What is populism?

Migranti e media secondo Carta di Roma. “Metabolizzazione” è la parola chiave in un rapporto difficile che però sta migliorando.

Avevamo poche certezze, una di queste era il fatto che Popeye mangiasse gli spinaci perché ricchi di ferro. Ma è proprio sicuro? Ma è proprio sicuro che non sia sicuro? Insomma, factchecking sul factchecking.

Michael Sheen, l’attore della serie Master of Sex, ha dichiarato che lascerà Hollywood per combattere il populismo di estrema dentro nel Regno Unito. Oh wait! No, non è vero.

Condividiamo le politiche dei governi se sono in molti oltre a noi a sostenerle? Esiste una sorta di effetto bandwagon anche per le policy? Se lo chiede il giurista Cass Sunstein, un tempo chiamato lo zar della Casa Bianca di Obama.

 

Vi è piaciuta questa newsletter? No? Avete suggerimenti? Scriveteci.

Advertisements